Il Nostro Green Deal Europeo

Il 28 novembre 2019 il Parlamento europeo ha dichiarato l’emergenza climatica. L’Europa deve sviluppare urgentemente un nuovo modello economico sostenibile, che coniughi il progresso sociale ed ecologico, migliori il benessere delle persone e non lasci nessuno indietro. Questo modello deve riflettere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e dell’Accordo di Parigi. Il nostro Green Deal europeo inserirà l’Europa nel solco della crescita e della prosperità di lungo periodo; garantirà che le nostre politiche ambientali coltivino i semi del cambiamento economico e sociale, appianerà le disuguaglianze sociali, ridurrà gli squilibri fra gli stati membri più grandi e quelli più piccoli, abbatterà le differenze geografiche ma anche quelle fra uomo e donna, fra una generazione e un’altra.

Un nuovo modello economico per un'Europa progressista

La nostra priorità è creare benessere per molti, e non profitti solo per pochi avidi. Allo stesso tempo, dobbiamo rispettare i limiti del nostro Pianeta.

La nostra lotta è per un'uguaglianza sostenibile in tutte le sue dimensioni: sociale, economica, politica e territoriale.

Un bilancio a lungo termine per realizzare la transizione

Sappiamo che un'Europa forte è possibile solo se l'Ue dispone di risorse sufficienti per utilizzarle collettivamente, per costruire un futuro migliore, più giusto e più sostenibile per i nostri bambini.

Daremo la priorità all'investimento nell'inclusione sociale, all'ecologizzazione dell'economia e alla lotta contro le disuguaglianze di ogni tipo.

Democrazie resilienti e diritti fondamentali

Ci impegniamo a difendere lo stato di diritto e i diritti fondamentali ovunque sia necessario: nelle nostre istituzioni, nelle strade e online. Proteggere l'integrità della democrazia è essenziale per noi.

Una visione progressista della migrazione e dell'asilo

Abbiamo bisogno di solidarietà per affrontare le politiche su migranti e rifugiati. Dobbiamo sostenere controlli di frontiera efficaci, umani e ordinati. Dobbiamo sostenere l'integrazione nelle comunità ospitanti per cogliere i contributi positivi che sono stati dati.

Un'Europa forte ha bisogno di istituzioni comuni forti e di una società civile forte

Per trasformare la nostra visione progressista dell'Europa in realtà, dobbiamo fare affidamento su strumenti equi, assertivi, indipendenti e comuni. Negli ultimi anni, le decisioni che riguardano tutti noi sono state prese da alcuni grandi Stati membri. Dobbiamo fare in modo che l'Ue torni a usare metodi seri, democratici, collegiali e equilibrati.

Il coinvolgimento e la partecipazione delle persone sono centrali nella nostra visione. Dobbiamo ricostruire le nostre alleanze con i sindacati, le ONG, le piattaforme organizzate dei cittadini, le iniziative per i giovani e le piattaforme per le donne. Dobbiamo farlo in tutta l'Ue, comprese le periferie e le zone rurali. La consulenza, l'informazione e la cooperazione con la società civile saranno sempre al centro di ciò che rappresentiamo. Potenziare le persone consentirà di voltare pagina.

Un partenariato tra l'Ue e l'Africa basato sulla fiducia

Siamo impegnati in una partnership su un piano di parità con l'Africa. Questa partnership deve basarsi sulla proprietà, sul rispetto reciproco e sull'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite a cui entrambi i continenti hanno aderito. La partnership tra Ue e Africa è un partenariato politico basato sul dialogo costante e sui valori della democrazia, dei diritti umani e del buon governo in tutte le dimensioni della cooperazione, comprese le relazioni commerciali dei nostri continenti.

Europa, forte nel mondo: il cuore pulsante della dignità e dell'integrità

Vogliamo che l'Europa sia sempre più una forza per la pace. Dobbiamo impegnarci più attivamente nel promuovere la stabilità e la democrazia a livello globale quale modo migliore per proteggere i cittadini. Diritti umani, solidarietà e democrazia sono gli strumenti che utilizziamo per ottenere ciò che per cui ci battiamo.

Il commercio per molti, non per pochi

Il commercio è uno dei tanti strumenti che possiamo usare per elevare gli standard sociali, lavorativi e ambientali in tutto il mondo. Il commercio deve mettere le persone al primo posto.