Condividi:

Alla vigilia della Conferenza sul cambiamento climatico, il COP25 che si terrà a Madrid dal 2 al 13 dicembre, grazie all’insistenza del Gruppo S&D, il Parlamento europeo dichiara l’emergenza climatica. Questo deve rappresentare la spinta decisiva per l’Unione e gli stati che ne fanno parte, ad assumere la leadership dei negoziati internazionali sul clima e dimostrare che siamo uniti e decisi ad affrontare la crisi in atto, a maggior ragione dal momento in cui Trump ha preso la discutibile decisione di ritirare gli Stati Uniti dall’Accordo di Parigi.

La massiccia mobilitazione globale degli ultimi mesi, ha dimostrato una solida e profonda consapevolezza dell’opinione pubblica, la seria preoccupazione attorno all’emergenza climatica e l’esigenza di mettere in campo azioni concrete per invertire il processo di riscaldamento globale. Noi Socialisti e Democratici siamo stati netti e sempre in prima linea in questa battaglia, e non smetteremo di lottare contro coloro i quali, fuori e dentro il Parlamento europeo, negano l’emergenza o preferiscono nascondere la testa sotto la sabbia dei loro puerili giochi politici.

Il presidente S&D, Iratxe García, ha commentato:

“Combattere i cambiamenti climatici non è più solo un’opzione, è un dovere, un obbligo. Non c’è tempo da perdere, perché il nostro pianeta è in pericolo. Gli scienziati ci stanno dicendo che questa è un’emergenza, perché gli impatti negativi sono già tangibili, e non sono una minaccia solo sulla biodiversità, lo sono anche per l’umanità.

“Dobbiamo agire ora se vogliamo correggere la tendenza e mitigare gli eventi meteorologici estremi, i processi di desertificazione, lo scioglimento dei ghiacci, l’innalzamento dei mari e degli oceani e la perdita di biodiversità. Sappiamo che ci sono milioni di rifugiati climatici e che sono i più poveri a subire gli impatti più severi dell’emergenza. Se non agiamo subito, in futuro saremo testimoni di un numero sempre maggiore di persone che muoiono di fame e di sete come conseguenza diretta di questa crisi.                                                                 

“Io mi auguro che i leader mondiali che si riuniranno al COP25 di Madrid la settimana ventura, ascoltino e facciano proprio l’appello lanciato oggi dal Parlamento europeo”.

Miriam Dalli, vicepresidente S&D per un New Green Deal, ha poi aggiunto:

“Siamo orgogliosi che grazie alla persistenza del Gruppo S&D, il Parlamento europeo abbia dichiarato l’emergenza climatica.

“Il riscaldamento globale è un’evidenza inoppugnabile e questa è un’emergenza. Lo scioglimento dei ghiacciai e l’innalzamento del livello dei mari sono un’evidenza e questa è un’emergenza. Gli incendi frequenti, i lunghi periodi di siccità e il moltiplicarsi di intense tempeste tropicali sono evidenze, e questa è un’emergenza.

“Grazie a questa risoluzione, il Parlamento europeo si pone alla guida della lotta contro i cambiamenti climatici. Ciò rappresenta un segnale forte rivolto agli europei e ai leader del mondo in vista del COP25, che dovrebbe motivarli e spingerli a intraprendere le azioni concrete necessarie a contenere e mitigare questa minaccia prima che sia troppo tardi”.

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna
DALLI Miriam

DALLI Miriam

Head of delegation
Vicepresidente
Malta

Contatti stampa S&D

Bernas Jan

BERNAS Jan

Press Officer
Italia

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D propone un’industria del futuro verde, sostenibile e sociale

Comunicati stampa

S&D: grande risultato nella lotta al cambiamento climatico. La commissione ambiente chiede l’inserimento del settore navale nel Sistema Ue di scambio delle emissioni

Comunicati stampa

S&D: il COVID-19 non può essere una scusa per indietreggiare sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Ue e ONU agiscano subito