Condividi:

Il Parlamento europeo e il Consiglio hanno stretto un importante accordo in materia di “Regolamento di sorveglianza del mercato” che traccia norme comuni per migliori controlli e innalza il livello di sicurezza delle merci vendute nell’Unione.

Questo accordo garantirà che ai consumatori siano venduti solo i prodotti ritenuti sicuri, compresi quelli online, e offrirà un sistema di sorveglianza del mercato più organico e coordinato all’interno dell’UE, una miglior applicazione delle regole stabilite per i prodotti e, non ultimo, gli operatori disonesti saranno penalizzati per evitare che traggano vantaggio e profitto a scapito delle imprese che rispettano le regole.

Nicola Danti, membro S&D e relatore della commissione per la protezione del mercato interno ha dichiarato:

“I recenti scandali come il Dieselgate, hanno mostrato che la circolazione di prodotti inaffidabili e non conformi sono ancora una realtà nel mercato dell’Unione. I volumi di prodotti non sicuri nell’UE sono in crescita e pervadono anche tutti quei settori che hanno un impatto diretto sulla nostra vita quotidiana quali giocattoli, automobili, prodotti tessili e abbigliamento, elettronica e altri prodotti personali.

“Spesso, dietro i prodotti non sicuri, si possono rintracciare evasione fiscale e attività di contraffazione. Come se non bastasse, questo tipo di pratiche commerciali non rappresentano solo un rischio per la salute dei consumatori, ma producono danni importanti a quelle imprese che rispettano le regole e pagano le tasse regolarmente. Il risultato devastante è che gli operatori corretti vengono gradualmente spinti fuori mercato.

“Con l’accordo raggiunto oggi nella trattativa col Consiglio, l’UE avrà a disposizione un sistema di controllo più efficace, moderno e condiviso, con un focus d’attenzione sulle merci e i prodotti venduti online. Per una buona parte dei prodotti in circolazione nell’Unione, comprese le merci d’importazione, sarà necessario disporre di un operatore economico che ne garantisca la conformità.

“Abbiamo anche potenziato il sistema di cooperazione fra le autorità nazionali e i loro poteri investigativi, strumenti essenziali per una sorveglianza efficace del mercato.”

 

 

Contatti stampa S&D

Bernas Jan

BERNAS Jan

Press Officer
Italia

Notizie correlate

Comunicati stampa

“Dobbiamo agire adesso. Poi potrebbe essere tardi”. S&D incalza le istituzioni Ue per salvare il turismo dalla bancarotta

Comunicati stampa

S&D: alla strategia della Commissione sul digitale e l’intelligenza artificiale serve un’iniezione sociale

Comunicati stampa

S&D: l’Agenda digitale europea non deve lasciare indietro nessuno