Pubblicato:
Condividi:

Il Parlamento europeo oggi ha raggiunto un accordo interpartitico sul cosiddetto Pacchetto mobilità, che comprende nuove norme sul distacco dei conducenti, sui tempi di lavoro e riposo, e sul cabotaggio*.

Ismail Ertug, autore della relazione parlamentare sul cabotaggio e portavoce S&D in materia di trasporti ha dichiarato:

“Il nostro scopo è migliorare il benessere sul lavoro di 3,6 milioni di conducenti professionisti in Europa. Come Socialisti e Democratici, il nostro Gruppo è impegnato costantemente per raggiungere il giusto equilibrio fra garantire protezione dei diritti dei lavoratori e lasciare alle imprese il giusto margine di manovra per svilupparsi, soprattutto per quanto riguarda le PMI, le piccole e medie imprese.

“Quest’equilibrio non è sempre facile da raggiungere, ma nella relazione di accesso al mercato, abbiamo mostrato come sia possibile bloccare diverse scappatoie, per ridurre pratiche sleali e abusive come la creazione delle cosiddette letter box companies, società di comodo create ad hoc per evitare di pagare giuste retribuzioni ai conducenti. Non permetteremo che la flessibilità vada a spese dei lavoratori e abbiamo trovato un modo per rafforzare notevolmente le norme. Noi Socialisti e Democratici stiamo lavorando per un’Europa socialmente più giusta e un riallineamento tra est e ovest”.

Nota agli editori:

*Per cabotaggio stradale s’intende l’attività di un vettore di uno stato membro dell’UE, a cui è consentita, a titolo temporaneo, attività di trasporto di merci per conto terzi in un altro Paese dell’Unione.

Eurodeputati coinvolti

ERTUG Ismail
Coordinatore
Germania

Contatti stampa S&D

President's spokesperson
MARTIN DE LA TORRE Victoria
Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

Verso un’economia a basse emissioni CO2: nuovi limiti anche per i mezzi pesanti

Comunicati stampa

Meno emissioni di CO2 da autoveicoli: S&D negozia un futuro più pulito per i cittadini

Comunicati stampa

Il Parlamento europeo appoggia la proposta di Marita Ulvskog di abbandonare il cambio d’ora stagionale entro il 2021