Condividi:

Oggi la segreteria del Gruppo e il presidente del Parlamento europeo hanno tenuto una riunione straordinaria alla presenza della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, per discutere la proposta di revisione del Programma di lavoro della Commissione per l’anno in corso e del Quadro finanziario pluriennale.  I leader del Gruppo hanno chiesto delucidazioni in merito alle risorse e ai contenuti del Piano di ripresa per affrontare le conseguenze socio-economiche innescate dal COVID 19 e il Programma di lavoro della Commissione.

In seguito all’incontro, la leader dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, Iratxe García, ha dichiarato:

“Sulla revisione del Programma di lavoro 2020 della Commissione, oggi intendevo far passare il messaggio che il COVID 19 non può rappresentare una scusa valida per dilatare i tempi dell’implementazione di politiche urgenti sulle quali abbiamo già raggiunto un’intesa, come ad esempio il Green Deal europeo, il Pilastro sociale europeo o l’adozione del principio dell’uguaglianza di genere. Questi sono punti che devono essere parte integrante della risposta alla crisi. Allo stesso modo, democrazia e Stato di Diritto devono essere pienamente rispettati, così come privacy e diritti dei cittadini. Non mettiamo da parte i nostri valori.

“Sul Quadro finanziario pluriennale e il Programma di ripresa, il Gruppo S&D si attende una risposta ambiziosa in termini di proporzioni e condizioni, fondata su un principio solidaristico e mirata ai Paesi più colpiti dalla crisi.

“Ho manifestato la mia preoccupazione anche in merito alla sfida politica di mantenere vivo l’obiettivo della convergenza fra gli Stati e le regioni dell’Unione. Compiere progressi in materia di convergenza socio-economica è l’obiettivo centrale della nostra Unione e, per la Commissione, un dovere fare in modo che sia perseguita.

“Il Fondo per la ripresa, il quale dovrebbe essere istituito prima dell’entrata in vigore del prossimo QFP, non dovrebbe essere un carico aggiuntivo agli sforzi compiuti dai singoli stati membri, ma bensì uno strumento per correggere gli sbilanciamenti ed evitare risposte asimmetriche alla crisi socio-economica. Fino ad oggi, metà degli aiuti di stato in Europa sono stati spesi dalla Germania, ma non tutti gli stati hanno la stessa capacità. Se l’Unione europea non interviene nella correzione delle divergenze, il sacrificio della convergenza metterà a rischio il futuro del progetto europeo.

“Dobbiamo finanziare il Fondo per la ripresa attraverso flussi di denaro fresco e l’emissione di debito comune. Non è solo una questione di solidarietà; qualsiasi altra soluzione non sarebbe sostenibile per l’Unione europea e l’Eurozona, in quanto il debito nazionale crescerà in modo significativo a livello degli stati, con tutto ciò che comporterà in termini di rischio sistemico correlato. Per questo abbiamo bisogno di una soluzione comune per alleggerire gli effetti di questo tipo di stress.

“È in gioco il progetto europeo e i cittadini devono avere dimostrazione che l’Ue è all’altezza di questa responsabilità. Ci attendiamo quindi che la Commissione europea proponga una risposta decisa e ambiziosa prima del prossimo Consiglio europeo, che tenga nella dovuta considerazione il ruolo e le posizioni del Parlamento europeo”.

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

L’appello S&D alla Commissione e ai governi Ue: dare forza ai diritti sociali attraverso l’adozione di obiettivi vincolanti

Comunicati stampa

I membri S&D dell’Europarlamento e dei Parlamenti nazionali votano per il nuovo bilancio e risorse proprie Ue per finanziarie la ripresa

Comunicati stampa

S&D: buone notizie sul fronte agricoltura. Via libera dell’Europarlamento per un’iniezione di denaro fresco per la sostenibilità