Pubblicato:
Condividi:

Commentando i risultati dell'indagine sulla filiale della Danske Bank in Estonia, i deputati S&D chiedono più interventi a livello europeo per contrastare il riciclaggio di denaro.

L'eurodeputato Jeppe Kofod, vicepresidente del gruppo S&D, e il portavoce del gruppo nella commissione speciale del Parlamento in materia fiscale, Peter Simon, dichiarano:

“Nel corso degli anni, miliardi di euro provenienti dalla Russia e dagli Stati ex sovietici sono passati attraverso la filiale della banca Danske in Estonia. Il numero di transazioni e l'ammontare di denaro coinvolti è sbalorditivo. È chiaro che il denaro riciclato aveva legami sia con il regime azero che con le reti di intelligence russe. Il fatto che tutto ciò possa protrarsi per un così lungo periodo di tempo dimostra che gli Stati membri, i sistemi e la vigilanza anti-riciclaggio dell'Ue sono terribilmente inadeguati.

“Il gruppo S&D continua a spingere instancabilmente per una supervisione più forte e sanzioni più severe per le banche coinvolte nel riciclaggio di denaro sporco e per una più stretta cooperazione e scambio di informazioni tra le autorità, misure che renderanno più difficile il riciclaggio di denaro sporco. Ecco perché noi socialdemocratici abbiamo spinto la Commissione europea a presentare proposte per rendere l'Autorità bancaria europea (EBA) un attore chiave nella lotta contro il riciclaggio di denaro, soprattutto se le autorità nazionali preposte al riciclaggio di denaro non riescono a svolgere correttamente il proprio lavoro. Abbiamo accolto con favore la proposta della Commissione in merito, che conferirebbe un mandato più completo all'Autorità bancaria europea (EBA) per affrontare le questioni relative alla lotta al riciclaggio di denaro.

“I vari scandali degli ultimi anni hanno dimostrato che è necessaria una maggiore cooperazione e un migliore scambio di informazioni all'interno dell'Ue per affrontare meglio il riciclaggio di denaro e i reati finanziari. Il gruppo S&D ha assicurato l’inserimento di una più stretta cooperazione e uno scambio di informazioni delle autorità di vigilanza bancaria e dell'intelligence finanziaria nel testo di revisione della direttiva sui requisiti patrimoniali IV. Il Parlamento sta attualmente negoziando il testo di questa proposta con il Consiglio europeo e spingerà affinché tale punto rimanga nella versione finale. Ma queste misure sono solo i primi passi. Nel lungo termine, serve un'autorità europea antiriciclaggio.

“Quello danese è solo l'esempio più recente di come regimi, individui e società ingannevoli stiano sfruttando le lacune nel sistema bancario dell'Ue per riciclare denaro ed evadere le tasse. Dobbiamo chiarire che nessuna banca è troppo grande per fallire o troppo potente per supervisionare. Dobbiamo migliorare la cooperazione tra le unità nazionali di criminalità finanziaria per garantire che ciò che si è verificato nella filiale della Danske Bank in Estonia non possa ripetersi”.

Etichette:
  • Jeppe Kofod MEP
  • Peter Simon MEP

Contatti stampa S&D

ALLAN Tim
Press Officer
Regno Unito

Notizie correlate

Comunicati stampa

Fermare un’emorragia da 825.000.000.000 di euro l’anno di evasione fiscale: votato il rapporto finale TAX UE

Comunicati stampa

S&D: un’aliquota minima effettiva del 18% per le imprese

Comunicati stampa

S&D potenzia il sistema di supervisione finanziaria in Europa