Pubblicato:
Condividi:

Oggi la Commissione europea ha presentato le sue proposte per l’apertura dei negoziati sul nuovo partenariato tra l’Unione europea e il Regno Unito. Il mandato per i negoziati sarà presentato al Parlamento europeo mercoledì 5 febbraio, e sarà discusso dagli eurodeputati raccolti in sessione plenaria la settimana ventura, che prevede anche un voto all’interno di una risoluzione. Il messaggio dal Parlamento europeo sarà molto chiaro: il livello di ambizione delle future relazioni dipenderà dalla disponibilità del governo britannico a porsi su un piano di parità con l’Unione, nel rispetto delle regole europee in materia sociale, ambientale, fiscale e di concorrenza.

Iratxe García Pérez, la leader del Gruppo S&D, ha dichiarato:

“Nel percorso di costruzione delle nuove relazioni tra l’Unione europea e il Regno Unito dobbiamo essere realisti e consapevoli che, quando si tratta del godimento di diritti e benefici all’interno dell’Unione europea, nessun partenariato potrà essere in alcun modo paragonabile all’appartenenza all’Unione in qualità di membro. Il nostro obiettivo è raggiungere un accordo ambizioso in futuro, ma le barriere poste dal governo britannico potrebbero svilire l’accordo e abbassarne il livello di ambizione. Se però il Regno Unito si mostrasse propenso a muoversi su un piano di parità per quanto riguarda il lavoro e gli standard sociali e ambientali, e s’impegnasse a promuovere una concorrenza aperta e leale, noi siamo impazienti di stringere un partenariato al servizio dei lavoratori, dei consumatori e dei cittadini da entrambe le parti. Con la Commissione come unico canale di negoziato con il Regno Unito, e il pieno coinvolgimento del Parlamento europeo chiamato a dare la propria approvazione , l’Unione europea sarà in grado di mantenere la stessa unità mostrata sinora, anche nella prossima fase”.

Pedro Silva Pereira, portavoce S&D sulla Brexit, ha dichiarato:

“Nell’iter di abbandono dell’Unione europea da parte del Regno Unito, gli eurodeputati hanno cercato di proteggere l’integrità del mercato unico, le unioni doganali e le quattro libertà fondamentali, compresa ovviamente la libera circolazione dei cittadini. Ora che guardiamo al futuro partenariato, gli eurodeputati continueranno a insistere affinché questi pilastri fondamentali dell’Unione siano salvaguardati, mantenendo inalterato l’ordine legale dell’Ue, i principi democratici, i diritti umani, le libertà fondamentali e lo Stato di diritto.

Bernd Lange, portavoce in materia di commercio e libero scambio, ha aggiunto:

“Anche se nessun accordo di libero scambio potrà mai essere paragonabile alla piena appartenenza all’Unione e al mercato unico, un accordo commerciale ambizioso che rifletta il lungo rapporto strategico e ed economico tra l’Unione europea e il Regno Unito, e permetta una certa facilità di accesso reciproco ai rispettivi mercati, dipenderà in buona misura da quanto il governo inglese si mostrerà disponibile a giocare su un piano di parità, nel rispetto delle regole europee in materia sociale, ambientale, fiscale e di concorrenza”.

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna
LANGE Bernd

LANGE Bernd

Membro
Germania
SILVA PEREIRA Pedro

SILVA PEREIRA Pedro

Membro
Portogallo

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna
Macphee Ewan

MACPHEE Ewan

Press Officer
Regno Unito
Pelz Silvia

PELZ Silvia

Press Officer
Germania

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D: i diritti dei passeggeri vengono prima degli interessi dell’industria nei ricorsi collettivi

Comunicati stampa

Tempi strettissimi nei negoziati dipendono dalle scelte del Regno Unito, ma noi rimaniamo saldi sulle nostre posizioni

Comunicati stampa

Caotica e discriminatoria la gestione dei confini durante il COVID-19