Pubblicato:
Condividi:

A seguito della repressione militare delle proteste a Khartoum, capitale del Sudan, che ha destato notevole preoccupazione a livello internazionale, il Gruppo dei Socialisti e Democratici chiede uno stop immediato degli attacchi violenti nei confronti di coloro che protestano a favore della democrazia e una riapertura del dialogo per una transizione democratica verso nuove elezioni.

Il leader del Gruppo S&D al Parlamento europeo, Udo Bullmann, ha dichiarato:

“La violenza non è mai la soluzione e può solo esacerbare i problemi. La brutale repressione dei civili e dei manifestanti in protesta compiuta dalle unità paramilitari in Sudan, deve essere interrotta immediatamente e i responsabili assicurati alla legge. Il dialogo rimane l’unica soluzione per garantire una transizione ordinata e pacifica verso nuove e regolari elezioni in Sudan.

“La comunità internazionale non può rimanere indifferente di fronte alla brutalità di tali azioni repressive. I tentativi di Russia e Cina di bloccare qualsiasi azione delle Nazioni Unite volta a ripristinare la pace sono esecrabili, e lo stesso vale per le costanti interferenze di forze esterne come Arabia Saudita ed Egitto.

“Se le violenze dovessero ripetersi, gli stati membri dell’Unione dovrebbero prendere in considerazione l’opportunità di reintrodurre sanzioni mirate a difendere i diritti dei protestatari pacifici e a facilitare il futuro democratico per le genti sudanesi”.

Eurodeputati coinvolti

BULLMANN Udo
Coordinatore
Germania

Contatti stampa S&D

BERNAS Jan
Press Officer
Italia

Notizie correlate

Comunicati stampa

Difensori dei diritti umani e dell’ambiente in Brasile: S&D nomina i propri candidati al Premio Sakharov 2019

Comunicati stampa

S&D propone un’inchiesta sulle ingerenze esterne nei processi democratici Ue mediante l’istituzione di una commissione parlamentare speciale

Comunicati stampa

S&D si oppone all’inaccettabile condanna a nove anni nei confronti di Kaftancioglu, la leader dell’opposizione in Turchia