Pubblicato:
Condividi:

Oggi la Commissione europea ha presentato le proprie raccomandazioni agli stati membri per coordinare la fase di graduale uscita dal confinamento e riavviare le attività economiche. La proposta della Commissione non è lungimirante rispetto a ciò che noi Socialisti e Democratici ci saremmo aspettati.

Il commento di Iratxe García, presidente del Gruppo S&D:

“Comprendiamo che gli stati membri debbano gestire le proprie competenze e le deleghe che sono previste, e che ogni stato sia in una situazione diversa, ma dalla Commissione ci aspettiamo di più. L’obiettivo è di coordinare una fase di allentamento delle restrizioni che garantisca sicurezza ai cittadini.

“Dobbiamo scongiurare una seconda ondata d’infezioni e avere indicazioni chiare sui tempi e i modi dell’alleggerimento delle restrizioni e delle misure di confinamento. Si dovrebbe contare su un protocollo univoco e condiviso.

“La salute viene naturalmente al primo posto e, prima di procedere in qualunque direzione o muovere nuovi progressi, dovremmo garantire che i servizi sanitari e l’equipaggiamento necessario siano disponibili, il che prevede anche la disponibilità di dispositivi di protezione individuale, tamponi e servizi diagnostici.

“La Commissione è anche responsabile di garantire che la libertà di circolazione dei cittadini, delle merci e dei servizi, sia ripristinata prima possibile. Questo dovrebbe darci indicazioni e spunti per una strategia che preveda tempi e modi per riaprire i confini fra gli stati membri, fornendo certezze a cittadini e imprese.

“In questo momento è cruciale riavviare lentamente e gradualmente l’attività economica in Europa e questo sarà possibile solo attraverso l’adozione di un approccio coordinato. Le nostre economie sono interconnesse e interdipendenti, e l’accesso alle scorte e la disposizione dei lavoratori, spesso dipende da altri stati membri.

“Riguardo la proposta di utilizzare applicazioni in grado di tracciare gli spostamenti dei cittadini attraverso mobile, noi saremo vigili. Questa non è la Cina e la crisi non può mettere in discussione le libertà individuali e i diritti fondamentali. Queste applicazioni devono attenersi in tutto e per tutto alle norme europee in termini di protezione dei dati e privacy. Devono dare prova di affidabilità ed efficienza per abbassare il numero di infezioni e il loro utilizzo deve essere di natura volontaria e temporanea. Gli sviluppatori non dovranno raccogliere, né utilizzare a scopi commerciali e di profilazione i dati ottenuti, e le applicazioni dovranno rispondere a criteri di piena trasparenza e controllo nei confronti delle autorità di protezione dei dati ed essere a disposizione del servizio pubblico”.

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

CRR Quick FIx: nuove regole spingono le banche a iniettare denaro nell’economia reale

Comunicati stampa

Unità senza precedenti oggi in plenaria: S&D traina l’Assemblea verso un bilancio ambizioso, sociale ed ecologico

Comunicati stampa

Lettera congiunta dei leader dei gruppi politici del Parlamento europeo ai leader dell’Ue, in vista della seduta del Consiglio europeo