Condividi:

Oggi il Parlamento europeo ha votato affinché l’Unione europea sostenga la sospensione dei brevetti sui vaccini COVID-19, appellandosi alla possibilità di andare in deroga agli accordi TRIPS nel quadro dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

Da mesi i Socialisti e Democratici al Parlamento europeo guidano l’iniziativa che sostiene una deroga agli accordi sulla proprietà intellettuale TRIPS (Trade Related Intellectual Property Rights), come parte di una strategia sui vaccini più ampia che preveda l’accelerazione della produzione globale rendendo più dosi disponili attraverso COVAX; l’individuazione e la risoluzione dei colli di bottiglia nelle catene di distribuzione; la condivisione di tecnologie e conoscenze relative alla produzione dei vaccini; investimenti mirati per aumentare la capacità produttiva aggiuntiva.

Degli 1,5 miliardi di dosi somministrate nel mondo nel mese di maggio, solo lo 0,3% è andato ai Paesi più poveri, che ospitano circa il 9% della popolazione mondiale.

Kathleen Van Brempt, eurodeputata S&D, portavoce in materia di commercio e negoziatrice sulla deroga ai TRIPS, ha dichiarato:

“Con il voto di oggi, il Parlamento europeo ha chiesto alla Commissione di fare finalmente la cosa giusta e dare il proprio appoggio alla sospensione dei brevetti sui vaccini COVID-19 e sulle attrezzature mediche, per salvare vite umane. Derogare ai TRIPS potrebbe non rivelarsi una soluzione miracolosa, ma rappresenta un caposaldo per una campagna vaccinale globale efficace. Situazioni eccezionali richiedono misure eccezionali.

“La proposta alternativa sottoposta all’OMC dalla Commissione europea non è sufficientemente ambiziosa considerata la sfida epocale che ci troviamo a fronteggiare. Non aiuterà a dare impulso a una produzione aggiuntiva nei Paesi emergenti o ad aumentare l’accesso a vaccini alla portata di tutti anche nei Paesi più poveri del mondo. Per essere certi che tutti ricevano il vaccino l’Ue ha bisogno di una strategia dal respiro quanto più ampio possibile.

“L’Ue deve compiere una scelta: proteggere le industrie farmaceutiche o proteggere la vita. Il Parlamento europeo oggi ha deciso di stare dalla parte giusta della storia, di schierarsi a favore della vita”.

Marek Belka, vicepresidente S&D responsabile per il commercio, ha commentato:

“Dobbiamo fare progressi rapidi per garantire che i governi di tutto il mondo dispongano di tutti gli strumenti possibili per lottare contro il COVID-19 e sconfiggerlo. La sospensione temporanea degli accordi TRIPS è uno strumento cruciale di questa cassetta degli attrezzi, ma noi desideriamo che abbiano strumenti aggiuntivi per risolvere i colli di bottiglia della catena di distribuzione, per condividere tecnologie e conoscenze sulla produzione dei vaccini e per compiere investimenti volti ad aumentare la capacità produttiva aggiuntiva.

“Vogliamo che COVAX cambi passo nella distribuzione dei vaccini. Le donazioni sono importanti nel breve periodo, ma dobbiamo andare oltre la beneficienza e fare in modo che più Paesi siano in condizione di produrre autonomamente i propri vaccini. Questo è ciò che il Parlamento chiede col voto espresso oggi”.

Eurodeputati coinvolti

BELKA Marek
BELKA Marek
Vicepresidente
Polonia
VAN BREMPT Kathleen
VAN BREMPT Kathleen
Capo delegazione
Coordinatrice
Belgio

Contatti stampa S&D

Pelz Silvia
PELZ Silvia
Addetta stampa
Germania

Notizie correlate

Comunicati stampa
S&D saluta il pacchetto Fit for 55: lavoreremo per rendere questa transizione giusta e socialmente sostenibile
Comunicati stampa
S&D presenta il proprio documento strategico sui vaccini: è cruciale che l’Europa sia pronta a qualsiasi nuova pandemia
Comunicati stampa
S&D: l’8° Programma d’azione per l’ambiente porterà l’Ue verso un’economia del benessere sostenibile e difenderà la biodiversità.