Condividi:

Oggi il Parlamento europeo commemora le vittime del genocidio di Srebrenica. Nel 1995, più di 8000 bosniaci di religione musulmana, uomini e ragazzi, furono sterminati deliberatamente dalle forze serbo-bosniache nell’enclave bosniaca orientale.

 

Tonino Picula, portavoce S&D per gli affari esteri, ha dichiarato:

 

“Il genocidio di Srebrenica fu una delle peggiori tragedie in Europa dalla Seconda Guerra mondiale. Ciò che accadde 25 anni fa a Srebrenica fu un genocidio e non può essere definito diversamente. In particolare, è inaccettabile che un genocidio sia negato per ragioni politiche, impedendo un’autentica riconciliazione.

 

“Oggi non dobbiamo solo ricordare e onorare quelle vittime e le loro famiglie, ma anche lavorare e impegnarci per un futuro migliore per le prossime generazioni. Il modo migliore di farlo, è offrire alla Bosnia e all’Erzegovina una prospettiva chiara d’integrazione europea, e nel farlo, promuovere democrazia, pace e prosperità.

 

“La nostra priorità dovrebbe essere quindi quella di aiutare la Bosnia e l’Erzegovina a diventare membri dell’Unione europea. Lo dobbiamo alle vittime, ma anche ai giovani, che spero vivranno uniti, seppur nella loro diversità, come cittadini dell’Ue”.

Eurodeputati coinvolti

PICULA Tonino

PICULA Tonino

Coordinatore
Croazia

Contatti stampa S&D

Czerny-grimm Inga

CZERNY-GRIMM Inga

Press Officer
Polonia

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D esorta sanzioni mirate per il mancato rispetto dei diritti umani in Azerbaijan

Comunicati stampa

Azioni unilaterali turche compromettono la pace e la sicurezza nel Mediterraneo Orientale

Comunicati stampa

In vista delle elezioni presidenziali in Bielorussia, S&D esorta Lukashenka ad allentare la stretta sugli oppositori