Pubblicato:
Condividi:

La commissione cultura oggi ha sostenuto nuove regole di finanziamento del programma Erasmus+. Quest’iniziativa faro, pensata per unire gli europei, merita un finanziamento adeguato e i Socialisti e Democratici hanno proposto di triplicarne il finanziamento per passare dai 15 miliardi del periodo 2014-2020 a 45 miliardi di euro per il periodo 2021-2027. I Socialisti e Democratici chiedono maggior sostegno finanziario, in particolare per l’istruzione degli adulti e la formazione professionale.

Petra Kammerevert, presidente della commissione cultura e educazione e negoziatrice S&D su questo tema, ha dichiarato:

“La proposta della Commissione di raddoppiare il presupposto finanziario non è sufficiente. Solo triplicandolo saremo in grado di mantenere le promesse per rendere il nuovo Erasmus+ più inclusivo e pienamente accessibile.

“Noi chiediamo anche che si arrivi una strategia condivisa a livello europeo per favorire l’inclusività. Fino a questo momento il programma Erasmus+ è stato ad appannaggio di un gruppo relativamente ristretto, ma tutti dovrebbero avere le stesse opportunità. Il nuovo Erasmus+ deve essere realmente aperto a chiunque e incoraggiare la partecipazione di tutti i cittadini della nostra società.

“Per i Socialisti e Democratici, un accesso al programma Erasmus+ libero da barriere e non discriminatorio che incoraggi la partecipazione di persone con meno opportunità, con disabilità e bisogni speciali, è un obiettivo che riveste carattere di priorità.

Silvia Costa, eurodeputata S&D e portavoce del Gruppo in materia di cultura e istruzione, ha aggiunto:

“Erasmus è il programma europeo che ha riscosso maggior successo e partecipazione e deve continuare a crescere. Negli ultimi sette anni ha permesso a quattro milioni di persone di compiere esperienze di formazione e mobilità, ma le nostre aspettative arrivano a 12 milioni di persone nei prossimi sette anni.

“Il nostro desiderio è quello di ampliarne le finalità: noi crediamo che la formazione permanente debba essere posta al centro del programma. Chiediamo quindi che tutte le componenti legate alla formazione continua presenti nel programma Erasmus+ siano potenziate.

“Gli insegnanti dell'istruzione precoce e delle scuole dell’infanzia dovrebbero poter beneficiare delle attività di mobilità, così come i giovani atleti, ed è nostra intenzione sostenerle ulteriormente mediante la nuova Carta europea dello studente, uno strumento digitale che dà vita allo status di “Studente europeo”, che favorirà il riconoscimento dei diplomi, dei programmi e l’accesso a diversi servizi.

“Anche i partenariati rivestono un'importanza cruciale, sia per incentivare gli europei a intraprendere percorsi di laurea e dottorato di ricerca, valorizzando anche le opportunità offerte dal settore culturale e creativo, sia per sviluppare le opportunità di formazione per adulti. Il nostro gruppo ha proposto di dare corpo e riempire di contenuti culturali la nuova iniziativa DiscoverEU, l’esperienza di viaggio rivolta a giovani tra i 18 e i 20 anni, in modo tale che acquisisca una connotazione educativa, sulla falsariga di progetti già in essere come le Capitali europee della cultura o le Capitali europee della gioventù.”

 

 

Eurodeputati coinvolti

KAMMEREVERT Petra

Coordinatore
Germania

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna

Notizie correlate

Comunicati stampa

Silvia Costa, eurodeputata S&D: cultura e creatività contribuiscono all’occupazione giovanile e alla coesione sociale

Comunicati stampa

S&D auspica che un numero maggiore di giovani europei prenda parte alle esperienze di volontariato del Corpo europeo di solidarietà

Comunicati stampa

La nuova normativa sui media audiovisivi consentirà di proteggere meglio i minori e promuoverà i contenuti europei