Pubblicato:
Condividi:

Durante un dibattito al Parlamento europeo sulla conclusione del terzo programma di aggiustamento economico per la Grecia, i deputati S&D hanno chiesto un'ambiziosa riforma dell'Unione monetaria europea per garantire la sostenibilità globale dell'Eurozona.

 

L'eurodeputato S&D Roberto Gualtieri, presidente della commissione Affari economici e monetari al Parlamento europeo, dichiara:

“L'accordo raggiunto tra l'Eurogruppo e la Grecia sulla riduzione del debito è una pietra miliare nel processo di ritorno del Paese alla crescita sostenibile e all'autonomia. Dopo otto anni di programmi di aggiustamento e sacrifici, i cittadini greci possono ora voltare pagina e lasciarsi alle spalle l'austerità, perseguendo una strategia ambiziosa ambiziosa e socialmente equilibrata per aumentare il potenziale di crescita, l'occupazione e la coesione sociale. Al contempo, l'Europa ha dimostrato di poter garantire l'integrità dell'area dell'euro.

“Le riforme attuate e il pacchetto di riduzione del debito ora rendono il debito greco pienamente sostenibile e creano le condizioni per il ritorno sul mercato.

“Sebbene sia importante garantire la sostenibilità fiscale, sarebbe saggio consentire alla Grecia di ridefinire i tempi e la natura delle misure fiscali supplementari richieste dal Fondo monetario internazionale per il 2019 e il 2020. E, grazie alla sovraperformance del saldo primario, già sappiamo che questo potrebbe essere compensato da un pacchetto espansivo.

“Il Parlamento europeo continuerà a seguire la fase post-programma per garantire l'equità della procedura di vigilanza rafforzata. Tra poche settimane, la Grecia uscirà dal programma e riacquisterà piena autonomia”.

 

La portavoce del gruppo S&D per gli affari economici e monetari, Pervenche Berès afferma:

“Dopo l'accordo dell'Eurogruppo sulla Grecia, è fondamentale adesso trovare soluzioni europee per il futuro dell'UEM e per la sostenibilità globale dell'Eurozona. Ripetere una crisi simile sarebbe un errore che non possiamo permetterci. Né possiamo permetterci il lusso di fare passi avanti solo quando ci troviamo nel mezzo di una crisi. Dobbiamo cogliere l'opportunità di completare l'Unione bancaria con un vero sostegno finanziario e un sistema europeo di assicurazione dei depositi (EDIS) per promuovere un'adeguata capacità di bilancio per l'area dell'euro e per la riforma del meccanismo europeo di stabilità, oltre a istituire il quadro appropriato per discutere il bilancio comune della zona euro.

“Le conclusioni del Consiglio della scorsa settimana indicano che ci stiamo muovendo nella giusta direzione. Chiediamo al Consiglio di portare avanti i suoi impegni senza ulteriori ritardi. Un'ambiziosa riforma dell'UEM è indispensabile per promuovere la crescita sostenibile, la coesione e la resilienza agli shock”.

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D invita Ursula von der Leyen a essere ferma nei negoziati col Consiglio sul Piano di ripresa

Comunicati stampa

Iratxe García: “Il Piano per la ripresa è un investimento storico per le future generazioni”

Comunicati stampa

S&D traina l’iniziativa del Parlamento europeo sul Piano per la ripresa