Pubblicato:
Condividi:

In merito ai negoziati interistituzionali in corso per la costituzione della futura Commissione europea, il leader del Gruppo dei Socialisti e Democratici Udo Bullmann ha dichiarato: 

“Abbiamo appreso che il Presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, oggi terranno un incontro. I gruppi politici non ne sono stati informati ufficialmente e, ad oggi, il Presidente Tajani non gode di alcun mandato da parte dei partiti politici per rappresentare il Parlamento europeo nell’ambito dei negoziati inter-istituzionali. Pertanto, l’incontro tra Tajani e Tusk, può essere considerato solo come una riunione interna non ufficiale tra rappresentanti del Partito popolare européo. 

“Come Socialisti e Democratici intendiamo dare priorità ai contenuti e non certo accontentarci di negoziati consumati a porte chiuse che ignorino il programma politico. Noi desideriamo sostenere un cambiamento politico radicale che ponga l’Europa su un nuovo binario fondato sulla giustizia sociale e la sostenibilità, così come ci viene richiesto dai cittadini europei. 

“Ribadiamo l’importanza di quanto affermato la settimana scorsa: il Parlamento europeo deve rimanere il centro di qualsiasi decisione relativa all’individuazione del nuovo presidente della Commissione europea. È una questione di rispetto nei confronti della volontà democratica espressa da tutti i cittadini che hanno dato vita alle ultime consultazioni elettorali europee, con le quali si è toccato il maggior tasso di affluenza degli ultimi 20 anni. Ci rivolgiamo a tutti i negoziatori affinché la voce dei cittadini sia ascoltata e rispettata”.

Eurodeputati coinvolti

BULLMANN Udo
Coordinatore
Germania

Notizie correlate

Comunicati stampa

Le nostre elezioni vanno difese da interferenze straniere e manipolazioni

Comunicati stampa

Iratxe García, presidente S&D: “Un budget corposo è fondamentale per la transizione verso un’Europa ecologicamente e socialmente sostenibile”

Comunicati stampa

La solidarietà salva vite umane, ma il Consiglio perde un’altra occasione per progredire nell’accordo sul meccanismo europeo degli sbarchi