Condividi:

Nel dibattito dell’assemblea riunita in plenaria, il Gruppo dei Socialisti e Democratici chiedono soluzioni umanitarie urgenti per fornire risposte immediate al devastante rogo che la settimana scorsa è divampato nel campo di Moria, sull’isola di Lesbo, che ha lasciato 12.000 persone prive di rifugio e assistenza. L’evacuazione dei richiedenti asilo rimasti e il loro trasferimento in strutture in cui siano garantiti i loro diritti fondamentali e la legge internazionale sotto l’egida dell’Ue, devono rivestire carattere prioritario.

Gli eurodeputati S&D accolgono positivamente l’annuncio della presentazione del nuovo Patto sulle migrazioni e l’asilo della Commissione europea, la settimana ventura, il 23 settembre, e la esortano a impegnarsi per un meccanismo obbligatorio permanente di solidarietà, che comprenda misure di ricollocazione dei richiedenti asilo a partire dal primo giorno dall’entrata in vigore.

Iratxe García, leader del Gruppo S&D, ha dichiarato:

“Quando la settimana prossima sarà finalmente presentato l’atteso Patto su migrazioni e asilo, i governi nazionali dovranno destarsi, riporre la solidarietà al centro del progetto europeo e fare in modo che quest’ultimo vergognoso capitolo della politica sulle migrazioni sia davvero l’ultimo.

“Ben prima del tragico rogo divampato la settimana scorsa, il campo di Moria era già sovraffollato e ospitava un numero di persone quattro volte superiore alla sua reale capacità, in condizioni disumane. Ora migliaia di famiglie indifese si trovano prive dei servizi di base che devono essere garantiti a ogni essere umano, mentre i governi europei chiudono ancora una volta un occhio di fronte alla sofferenza, rinunciando ad assumersi qualsiasi responsabilità nella ricollocazione di queste persone in disperato bisogno di aiuto e protezione.

“Dovremmo smettere di tentare di risolvere una situazione tanto complessa senza mettere in campo le risorse adeguate. Se la Commissione si aspetta il pieno sostegno del Gruppo S&D sul nuovo Patto in presentazione la settimana prossima, deve contenere un meccanismo obbligatorio di solidarietà che preveda la ricollocazione dei richiedenti asilo come parte di una strategia di lungo periodo in materia di migrazioni e asilo”.

Kati Piri, vicepresidente S&D responsabile per le democrazie resilienti e i diritti fondamentali, ha commentato:

“Ben prima del devastante rogo di Moria che ha lasciato più di 12.000 persone senza rifugio né accesso a cibo, acqua e medicine, le condizioni sanitarie nei campi di Lesbo erano disumane e inaccettabili. Ricostruire il campo di Moria non è la soluzione.

“L’Ue deve intraprendere iniziative urgenti per fornire un riparo a quattromila bambini e ottomila adulti senza un tetto sulla testa, nella Grecia continentale. Sappiamo che vi sono città e regioni in Europa disposte a fare molto di più che semplicemente ricollocare i richiedenti asilo e quindi: cosa stiamo aspettando? I governi nazionali dovrebbero dare ascolto agli appelli provenienti da queste città, dalle regioni e dalla società civile, e dimostrare che la solidarietà europea non è illusione. Questa non è solo una questione morale, stiamo parlando di rispetto di diritti fondamentali come il diritto individuale d’asilo”.

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna
PIRI Kati

PIRI Kati

Vicepresidente
Paesi Bassi

Contatti stampa S&D

Martin De La Torre Victoria
President's spokesperson

MARTIN DE LA TORRE Victoria

Spagna
Macphee Ewan

MACPHEE Ewan

Press Officer
Regno Unito

Notizie correlate

Comunicati stampa

La protesta S&D contro la barbarica restrizione dell’aborto in Polonia

Comunicati stampa

L’opposizione bielorussa, candidata dal Gruppo S&D, vince il Premio Sakharov 2020

Comunicati stampa

S&D sul Programma di lavoro della Commissione: non c’è più tempo da perdere per dare risposte ai cittadini