Pubblicato:
Condividi:

 

In vista della Festa della donna dell’8 marzo, il Gruppo S&D si fa promotore di una serie d‘iniziative per portare i diritti delle donne e la parità di genere a un livello superiore e contrastare le posizioni della destra conservatrice. I Socialisti e Democratici celebreranno i diritti della donna durante tutta la settimana, attraverso manifestazioni di protesta e dibattiti nell’ambito dell’iniziativa #All4Equality.

 

Iratxe García-Perez, portavoce S&D per i diritti delle donne e la parità di genere, ha dichiarato:

“Stiamo assistendo a un arretramento in fatto di diritti della donna in Europa. Che le nostre figlie corrano il rischio di avere meno diritti delle loro madri è intollerabile, ma vi sono diversi segnali in questo senso: la legge restrittiva in materia d’aborto in Polonia; l’eliminazione degli studi di genere all’università in Ungheria; il rifiuto della Bulgaria di ratificare la Convenzione di Instanbul; in Spagna e Portogallo le forze conservatrici mettono a punto piani per il ritiro delle misure di contrasto della violenza di genere; Francia e Germania sono impegnate in accesi dibattiti sulla salute sessuale e i diritti riproduttivi, conquiste date per scontate già da tempo.

“Le donne sono pagate meno, hanno pensioni più basse, devono affrontare maggiori difficoltà per entrare nel mondo del lavoro e sono ancora le più coinvolte nelle attività di assistenza a favore di familiari non autonomi. Ciò che è peggio, ogni giorno vi sono donne che subiscono violenze di stampo sessista e sono persino vittime di omicidio. Molte donne hanno timore di rientrare a casa da sole o praticare sport da sole. Non possiamo rimanere impassibili di fronte a tutto questo.

“Vi sono più di mille ragioni per sostenere lo sforzo femminista per costruire un’Europa più egualitaria. Non è una questione che riguarda solo le donne, come dichiarano i partiti di destra: è una questione di diritti umani, una questione di lotta di un’Europa femminista che avanza, che non si arrende e che lavora”.

 

Eventi della settimana in programma:

5-8 marzo: “Step it up for Gender Equality in a Progressive Society” - Forum della gioventù per la parità di genere, con più di 50 giovani provenienti da tutta Europa che condivideranno le proprie visioni di un Europa progressista: Commissione S&D diritti della donna e uguaglianza di genere, Donne del PSE, Giovani socialisti europei (YES), Forum progressista globale (GBF) e Rainbow Rose;

6 marzo, 13.30-15.00: dibattito dal titolo “Combattere la pubblicità sessista nei luoghi pubblici” – Parlamento europeo, A3G-2;

6 marzo, 18.00-20.00: WEUCO (Women’s European Council) Consiglio europeo delle donne (Alleanza europea delle donne) – Parlamento europeo, PHS 6B 001;

7 marzo, 9.00-12.30: riunione della commissione interparlamentare per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere: “Il potere delle donne in politica” – Parlamento europeo, JAN 4Q2;

7 marzo, 14.00-17.30: conferenza pubblica dal titolo “Superare la regressione dei diritti della donna e la parità di genere: quali le risposte progressiste?”, Commissione S&D diritti della donna e parità di genere, Fondazione per gli studi europei (FEPS), Fondazione Friederich Ebert Stiftung e Fondazione Jean Jaurès – Parlamento europeo, A3G-3, diretta streaming sul sito S&D www.socialistsanddemocrats.eu;

8 marzo: Giornata internazionale della donna. A partire dalle 14.00 “Sciopero e marcia delle donne”, Bruxelles (organizzato dal collettivo 8 marzo del Belgio e dalla Marcia mondiale delle donne con la partecipazione S&D) – punto di raccolta Gare Centrale.

 

 

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe
Presidente
Spagna

Contatti stampa S&D

WOLSCHLAGER Markus
Political Advisor
Austria

Notizie correlate

Comunicati stampa

Iratxe García Pérez, presidente neo eletto del Gruppo S&D: “L’Europa deve recuperare la propria anima sociale e porre le persone al centro dell’azione politica”

Comunicati stampa

S&D: l’UE dovrebbe fare di più per difendere le persone della comunità LGBTI in Europa e nel mondo

Comunicati stampa

S&D porta l’Europa verso un nuovo equilibrio fra vita privata e professionale