Pubblicato:
Condividi:

 

In vista della Festa della donna dell’8 marzo, il Gruppo S&D si fa promotore di una serie d‘iniziative per portare i diritti delle donne e la parità di genere a un livello superiore e contrastare le posizioni della destra conservatrice. I Socialisti e Democratici celebreranno i diritti della donna durante tutta la settimana, attraverso manifestazioni di protesta e dibattiti nell’ambito dell’iniziativa #All4Equality.

 

Iratxe García-Perez, portavoce S&D per i diritti delle donne e la parità di genere, ha dichiarato:

“Stiamo assistendo a un arretramento in fatto di diritti della donna in Europa. Che le nostre figlie corrano il rischio di avere meno diritti delle loro madri è intollerabile, ma vi sono diversi segnali in questo senso: la legge restrittiva in materia d’aborto in Polonia; l’eliminazione degli studi di genere all’università in Ungheria; il rifiuto della Bulgaria di ratificare la Convenzione di Instanbul; in Spagna e Portogallo le forze conservatrici mettono a punto piani per il ritiro delle misure di contrasto della violenza di genere; Francia e Germania sono impegnate in accesi dibattiti sulla salute sessuale e i diritti riproduttivi, conquiste date per scontate già da tempo.

“Le donne sono pagate meno, hanno pensioni più basse, devono affrontare maggiori difficoltà per entrare nel mondo del lavoro e sono ancora le più coinvolte nelle attività di assistenza a favore di familiari non autonomi. Ciò che è peggio, ogni giorno vi sono donne che subiscono violenze di stampo sessista e sono persino vittime di omicidio. Molte donne hanno timore di rientrare a casa da sole o praticare sport da sole. Non possiamo rimanere impassibili di fronte a tutto questo.

“Vi sono più di mille ragioni per sostenere lo sforzo femminista per costruire un’Europa più egualitaria. Non è una questione che riguarda solo le donne, come dichiarano i partiti di destra: è una questione di diritti umani, una questione di lotta di un’Europa femminista che avanza, che non si arrende e che lavora”.

 

Eventi della settimana in programma:

5-8 marzo: “Step it up for Gender Equality in a Progressive Society” - Forum della gioventù per la parità di genere, con più di 50 giovani provenienti da tutta Europa che condivideranno le proprie visioni di un Europa progressista: Commissione S&D diritti della donna e uguaglianza di genere, Donne del PSE, Giovani socialisti europei (YES), Forum progressista globale (GBF) e Rainbow Rose;

6 marzo, 13.30-15.00: dibattito dal titolo “Combattere la pubblicità sessista nei luoghi pubblici” – Parlamento europeo, A3G-2;

6 marzo, 18.00-20.00: WEUCO (Women’s European Council) Consiglio europeo delle donne (Alleanza europea delle donne) – Parlamento europeo, PHS 6B 001;

7 marzo, 9.00-12.30: riunione della commissione interparlamentare per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere: “Il potere delle donne in politica” – Parlamento europeo, JAN 4Q2;

7 marzo, 14.00-17.30: conferenza pubblica dal titolo “Superare la regressione dei diritti della donna e la parità di genere: quali le risposte progressiste?”, Commissione S&D diritti della donna e parità di genere, Fondazione per gli studi europei (FEPS), Fondazione Friederich Ebert Stiftung e Fondazione Jean Jaurès – Parlamento europeo, A3G-3, diretta streaming sul sito S&D www.socialistsanddemocrats.eu;

8 marzo: Giornata internazionale della donna. A partire dalle 14.00 “Sciopero e marcia delle donne”, Bruxelles (organizzato dal collettivo 8 marzo del Belgio e dalla Marcia mondiale delle donne con la partecipazione S&D) – punto di raccolta Gare Centrale.

 

 

Eurodeputati coinvolti

GARCÍA PÉREZ Iratxe

Presidente
Spagna

Contatti stampa S&D

WOLSCHLAGER Markus

Political Advisor
Austria

Notizie correlate

Comunicati stampa

Iratxe García: “Il nostro voto sostiene la nuova Commissione, ma saremo partner tanto leali quanto vigili ed esigenti”

Comunicati stampa

La violenza sulle donne deve essere riconosciuta come reato dai Trattati europei!

Comunicati stampa

Educazione non significa sessualizzazione. Le autorità polacche riconsiderino la proposta di legge sul bando dell’educazione sessuale