Condividi:

 Oggi, gli eurodeputati S&D hanno chiesto alla Commissione europea di prevedere maggiori investimenti e di porre l'attenzione sulla domanda domestica come vera priorità economica per il 2016. Con il rallentamento della domanda globale, il record in negativo dei tassi di interesse, l'incremento del terrorismo e un gran numero di rifugiati in arrivo, un aumento di investimenti pubblici e privati nell'Ue è cruciale per rimanere sulla via della crescita duratura.

Per il quarto anno, il gruppo S&D presenta all'interno della sua iniziativa economica progressista un'analisi indipendente della crescita annuale, scritta da quattro istituti economici indipendenti. Lo  iAGS 2016 analizza la situazione economica in Europa, confronta vari scenari di politica economica e dà raccomandazioni sulle priorità economiche per l'anno successivo. Sottolinea che mentre l'Europa registra un surplus commerciale nei confronti del mondo, questo avviene al prezzo della disoccupazione e della contrazione degli investimenti domestici (vedi la sintesi). Lo iAGS 2016 è presentato poco prima che la Commissione dia inizio al Semestre europeo 2016 adottando l'Analisi annuale della crescita e pubblicando le raccomandazioni per la politica economica dell'area dell'euro.

Maria João Rodrigues, vicepresidente S&D per le politiche economiche e sociali e relatrice del Parlamento europeo sull'Analisi annuale della crescita, ha detto:

 “La ripresa economica dell'Europa rimane troppo bassa per ridurre significativamente il nostro tasso di disoccupazione, ancora troppo alto. L'Europa resta indietro rispetto agli Usa e alle altre economie per la mancanza di investimenti, la debole domanda interna e un eccessivo avanzo delle partite correnti. Lanciamo un appello per un piano coordinato per una ripresa più forte: mentre alcuni paesi continuano a consolidare i loro bilanci pubblici e le loro aziende fanno sacrifici per ridurre i debiti, altri paesi potrebbero e dovrebbero supportare la domanda domestica in Europa attraverso investimenti molto maggiori.

“Non possiamo costruire una prosperità duratura senza investimenti su istruzione, energia verde, integrazione degli immigrati o aumento della sicurezza. L'Europa ha investito troppo poco per molti anni e deve sfruttare i tassi di interesse bassi per spezzare questo circolo vizioso. Solo attraverso maggiori investimenti l'Europa può continuare ad essere competitiva a livello globale. Siamo fortunati che il petrolio al momento è a basso costo, ma dovremmo investire il denaro che risparmiamo sul petrolio in efficienza energetica, rinnovabili, nuove tecnologie e capacità.

“La Commissione europea si è detta a favore di un 'triangolo virtuoso' formato da responsabilità fiscale, riforme strutturali e investimenti privati. A nostro parere abbiamo bisogno di un 'quadrato solido', in cui la quarta priorità è la domanda domestica. L'Eurozona sta registrando il più grande surplus al mondo, ma il motore non è abbastanza forte per sostenere una crescita robusta e alti livelli di occupazione.
“L'economia europea può fare molto di più se iniziamo finalmente a ridurre le disuguaglianze sociali. Le famiglie a basso e medio reddito spenderebbero o investirebbero ogni euro in più se ne avessero, ma enormi somme di valore  create in Europa sono perse nei paradisi fiscali. Ci aspettiamo che la Commissione riconosca che le 'riforme strutturali' dovrebbero concentrarsi su questi tipi di problemi: miglioramento della riscossione delle imposte, servizi pubblici migliori e una maggiore equità. Gli europei devono essere in grado di godere di nuovo di pari opportunità: coloro che lavorano duramente devono avere di nuovo prospettive positive, anche se sono nati in quartieri poveri”.

Documenti correlati

iAGS 2016 - Executive Summary

Notizie correlate

Comunicati stampa

La Commissione alzi l’asticella dell’ambizione per proteggere la salute dei lavoratori dai cancerogeni

Comunicati stampa

I Progressisti guidano la riforma della Garanzia Giovani per porre fine ai tirocini non retribuiti nell’Ue

Comunicati stampa

S&D chiede un cronoprogramma vincolante per l’introduzione delle risorse proprie dell’Ue