Condividi:

Oggi, il Parlamento europeo ha dato l'ok finale al bilancio dell'Ue per il 2016. Il bilancio, concordato dopo intensi negoziati con il Consiglio, comprende un aumento di fondi per affrontare la crisi dei rifugiati e rafforza la spesa in settori chiave come istruzione, ricerca e sviluppo e sostegno alle Pmi.

L'eurodeputato Eider Gardiazabal, portavoce S&D per la commissione Bilancio, ha affermato:

“Siamo lieti di avere assicurato un bilancio progressista per il 2016, che fornisce le risorse necessarie per colpire le crisi più immediate che l'Europa si trova di fronte e che al contempo supporta la crescita di lungo periodo. Abbiamo usato a pieno gli strumenti di flessibilità per garantire 800 milioni di euro aggiuntivi per sostenere la ricollocazione dei rifugiati nell'Ue e per aumentare i finanziamenti alle agenzie che lavorano nel campo dell'assistenza ai migranti. Frontex sarà in grado di assumere 60 nuovi membri nel proprio staff, mentre UESA ed Europol potranno creare 30 nuovi posti. Parallelamente a questo abbiamo assicurato un aumento di 18 milioni di euro per l'assistenza finanziaria all'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei profughi palestinesi (UNRWA)”. 

“Per noi era inoltre importante affrontare gli affetti di lungo termine dei conflitti in corso nel Medio Oriente e in Africa. Per il nostro gruppo è fondamentale garantire che i bambini sfollati a causa di questi conflitti continuino a ricevere un'istruzione. Un'intera generazione di bambini – in special modo ragazze e giovani donne – è destinata a un futuro privo di prospettive se non riceve un'istruzione. Siamo riusciti a garantire un aumento dei finanziamenti messi a disposizione per promuovere l'istruzione nel bilancio per gli aiuti umanitari dell'Ue del 2016. Questo crescerà così dall'1% al 3% del bilancio per gli aiuti (un aumento di 26 milioni di euro). Faremo pressioni per un ulteriore aumento al 4% nei prossimi anni”.

L'eurodeputato Jens Geier, capo della squadra negoziale del gruppo S&D per il bilancio 2016, ha aggiunto:

“Oltre ad affrontare nell'immediato la crisi dei rifugiati, volevamo garantire un bilancio che si concentri su lavoro e crescita. Per fare questo stiamo utilizzando tutte le risorse a nostra disposizione, invertendo i tagli originariamente proposti dal Consiglio e riuscendo a rafforzare i programmi europei. Vi saranno un aumento di 31,8 milioni per il fondo per ricerca e sviluppo in Horizon 2020, un aumento di 14,2 milioni per supportare le Pmi attraverso il programma COSME e un aumento di 6,6 milioni per aiutare i giovani nell'istruzione e nella formazione attraverso il programma Erasmus +.

“Sebbene in linea generale siamo contenti per il bilancio, siamo tuttavia seriamente preoccupati per il fallimento nella gestione della crisi della bilancia dei pagamenti. L'Ue sta accumulando debito, e ciò non avvantaggia nessuno. Mentre noi abbiamo guardato alla proposta iniziale della Commissione come a un passo nella giusta direzione, il Consiglio ha insistito per tagliarla di più di 460 milioni di euro. Abbiamo dovuto acconsentire per assicurare un accordo di compromesso, ma non comprendiamo perché il Consiglio sia così contrario ad arrivare ad una soluzione sulla questione”.

Eurodeputati coinvolti

GARDIAZABAL RUBIAL Eider

GARDIAZABAL RUBIAL Eider

Coordinatore
Spagna
GEIER Jens

GEIER Jens

Head of delegation
Membro
Germania

Notizie correlate

Comunicati stampa

S&D chiede un cronoprogramma vincolante per l’introduzione delle risorse proprie dell’Ue

Comunicati stampa

S&D: ReactEU è una linea vita per le persone. Dobbiamo stanziare finanziamenti robusti

Comunicati stampa

S&D spinge sul Consiglio affinché rivaluti le proprie posizioni sulle risorse proprie dell’Ue