Una reale alternativa

Possiamo costruire un'alternativa reale, riportando l'Europa sulla strada della crescita sostenibile e ottenendo al contempo una maggiore giustizia sociale e fiscale.

Il nostro lavoro in commissione Affari economici e monetari

La lezione più dura da imparare dalla crisi dell'eurozona è che condividere una valuta senza condividere obiettivi economici e sociali porta all'instabilità e va contro i valori condivisi dell'Europa. La nostra visione è quella di costruire un'Unione più forte per affrontare questi squilibri e completare l'Unione Economica e Monetaria (UEM), mettendo al centro la giustizia sociale.

Stiamo anche lavorando duramente per ottenere azioni ambiziose per combattere la frode fiscale, l'elusione fiscale e i paradisi fiscali in modo che gli europei possano finalmente ottenere giustizia fiscale.

I nostri risultati

Il piano di investimenti da 315 miliardi di euro lanciato nel 2015 è uno dei risultati chiave del gruppo S&D a partire dalle elezioni del 2014. Abbiamo insistito affinché Juncker si impegnasse su questo piano di investimenti e abbiamo posto questo come condizione affinché il gruppo S&D accettasse di sostenere la sua Commissione. Il cuore del piano è il Fondo europeo per gli investimenti strategici (ESFSI). Il gruppo S&D ha anche svolto un ruolo decisivo nell'InvestEU come strumento per lottare contro l'austerità.

Il gruppo S&D ha insistito e ottenuto una maggiore flessibilità nell'attuazione del Patto di stabilità e crescita. Questa è stata la nostra risposta alle rigide misure di austerità e alle assurde rigidità economiche imposte dalle forze conservatrici in Europa.

Le nostre priorità

Investire per stimolare la crescita e creare posti di lavoro

I Socialisti e Democratici continueranno a lavorare sodo per garantire che il Piano di investimenti sia attuato con successo, compreso il finanziamento di progetti più rischiosi. Dobbiamo inoltre garantire la trasparenza, la accountability democratica e il rispetto delle linee guida sugli investimenti. L’EFSI deve anche trovare il modo di ridurre le disuguaglianze sociali e regionali. Il gruppo S&D manterrà la sua pressione per ottenere una strategia di investimenti europea più completa.

Fare funzionare l'Unione Economica e Monetaria

I difetti nella progettazione iniziale dell'eurozona hanno reso più profondi e lunghi gli effetti della crisi economica globale, con enormi costi economici, maggiori sofferenze per i cittadini comuni e tensioni politiche all'interno e tra gli Stati membri dell'Ue.

Senza importanti riforme per completare l'Unione Economica e Monetaria (UEM), l'Ue non supererà in modo adeguato la crisi finanziaria, né realizzerà un modello di successo di crescita democratica, sostenibile, coesa e competitiva. Per garantire la sostenibilità a lungo termine dell'UEM, le riforme in materia devono prevedere il rilancio di un processo dinamico per avvicinare le strutture economiche di ciascun Paese e regione dell'Ue all'interno di un mercato unico inclusivo e competitivo.

Per raggiungere questo obiettivo, vogliamo completare l'Unione bancaria con un sistema europeo di garanzia dei depositi e lavorare affinché l’Ue aumenti le proprie entrate per la zona euro (la capacità fiscale). Dobbiamo riformare l'Unione Economica e Monetaria (UEM) per contribuire a ridurre le disuguaglianze.

Crediamo anche nella piena integrazione del Semestre europeo (il quadro per il coordinamento delle politiche economiche tra gli Stati membri) e nella revisione della Strategia Europa 2020. Dobbiamo rafforzare la responsabilità democratica della zona euro attraverso il Parlamento europeo e assicurare che l'UEM sia costruita anche sulla giustizia sociale (si veda la nostra campagna sui diritti sociali).

Un settore finanziario responsabile e regolamentato

Siamo per una riforma radicale del settore finanziario, con un'efficace regolamentazione di banche, hedge fund e organizzazioni finanziarie.

Queste banche e aziende hanno portato il mondo sull'orlo del disastro nel 2008 e hanno provocato una recessione che è costata milioni di posti di lavoro e ha ridotto gli standard di vita in gran parte dell'Europa.

Noi appoggeremo i piani per un'unione dei mercati dei capitali che:

  • prevenga i rischi sistemici attraverso una legislazione adeguata

  • assicuri forti meccanismi di vigilanza

  • difenda un elevato livello di protezione per le piccole e medie imprese (PMI) e i cittadini

  • assicuri che il finanziamento del mercato dei capitali completi – e non sostituisca - i prestiti bancari.

Eurodeputati coinvolti

GUALTIERI Roberto
Presidente
Italia
HEINÄLUOMA Eero
Membro
Finlandia
BELKA Marek
Membro
Polonia
FERNÁNDEZ Jonás
Membro
Spagna
GILL Neena
Membro
Regno Unito
LALUCQ Aurore
Membro
Francia
MAVRIDES Costas
Membro
Cipro
MOLNÁR Csaba
Membro
Ungheria
REGNER Evelyn
Membro
Austria
SANT Alfred
Membro
Malta

Guarda le nostre ultime azioni

Comunicati stampa

S&D ottiene regole di trasparenza vincolanti per la finanza sulla sostenibilità degli investimenti

Comunicati stampa

La risposta S&D all’alleanza PPE-ECR-ENF: nessun trattamento speciale per gli eurodeputati in caso di frode

Comunicati stampa

S&D: una vigilanza più puntuale sul settore finanziario e miglior protezione dei consumatori UE

Position papers

Position paper
Pubblicato:
The reform of the Own Resources system