Condividi:

Con un bambino su cinque a rischio povertà nell’Ue, i membri Socialisti e Democratici del Parlamento europeo, nel dibattito di stasera in Assemblea chiederanno ai leader Ue di assumere l’impegno di porre fine alla povertà infantile al Summit di Porto della settimana prossima. S&D chiede venti miliardi per garantire abitazioni dignitose e nutrizione adeguata, istruzione gratuita e di qualità, assistenza e cure mediche per tutti i bambini.

Brando Benifei, europarlamentare S&D responsabile per la Garanzia europea del Bambino, ha dichiarato:

“Un bambino su cinque in Europa va a letto a stomaco vuoto, non ha un tetto sopra la testa o i suoi genitori non possono permettersi di pagare per alcuna forma di aiuto o assistenza, materiale scolastico o medicinali essenziali. Dato che la pandemia sta rendendo tutto persino più complesso e acuendo le disuguaglianze, l’intervento pubblico a livello nazionale ed europeo è più urgente che mai.

“La povertà infantile provoca incalcolabili tragedie personali, ma infligge anche danni a lungo termine alla nostra società e aumenta la probabilità di disoccupazione, povertà, mancanza di una dimora e abuso di droghe, nel corso futuro della vita. Per questo, dal 2014, portiamo avanti una campagna per un nuovo approccio integrato per combattere i molteplici aspetti della povertà infantile: la Garanzia europea del Bambino. I governi Ue devono garantire alloggi dignitosi, una nutrizione sana e adeguata, istruzione gratuita e di qualità, cure assistenziali e sanitarie per tutti i bambini che ne abbiano necessità. Semplicemente, non esiste miglior investimento di quello per i nostri bambini”.

Agnes Jongerius, europarlamentare S&D e portavoce del Gruppo per l’occupazione e gli affari sociali, ha dichiarato:

“A maggio, al vertice di Porto, noi chiediamo ai leader Ue di seguire i dettami del loro cuore e di fare la cosa giusta. È straziante vedere sempre più bambini cadere in povertà al protrarsi della pandemia.

“Come parte del Piano d’azione sociale presentato dal Commissario socialista con deleghe al lavoro e ai diritti sociali, Nicolas Schmit, la Garanzia del Bambino è una pietra angolare per la costruzione di una società più inclusiva e resiliente per tutti. Noi chiediamo venti miliardi di euro di finanziamento per la Garanzia del Bambino. La risoluzione del Parlamento europeo è un appello forte ai governi Ue in vista del Summit sociale di Porto che si inaugura il 7 maggio 2021. Abbiamo l’opportunità di porre fine alla povertà infantile ora: cogliamola”.

Qui si può trovare la Dichiarazione di Porto 2030 per un benessere sostenibile adottata in modo congiunto il 21 aprile 2021 dalle parti sociali, la società civile e il Gruppo S&D.

Cliccando qui è possibile registrarsi alla Conferenza congiunta del Gruppo S&D e del PSE dal titolo, Da Göteborg a Porto: la strada per l’Europa Sociale – Progresso sociale e benessere per tutti entro il 2030, che si terrà il 6 maggio dalle ore 19:00 alle 21:00 CET.

Scopri di più in merito sulla Campagna S&D per i diritti sociali.

 

Eurodeputati coinvolti

JONGERIUS Agnes
JONGERIUS Agnes
Head of delegation
Coordinatore
Paesi Bassi
BENIFEI Brando
BENIFEI Brando
Head of delegation
Membro
Italia

Contatti stampa S&D

Pelz Silvia
PELZ Silvia
Press Officer
Germania

Notizie correlate

Comunicati stampa
S&D: il nuovo FSE+ con la Garanzia del Bambino, sarà una pietra angolare della ripresa in Europa
Comunicati stampa
Stop alla schiavitù moderna! S&D guida l’offensiva contro le pratiche illegali e anti-etiche di Amazon
Comunicati stampa
Nuove opportunità per la migrazione legale dei lavoratori possono aiutare nella lotta allo sfruttamento del lavoro